Immobile

Abituata sempre di più a guardare dalla parte interna della casa attraverso una finestra sporca alberi, asfalto o gente piena di piani per il futuro, sofferenze mute e sogni esplosi come bolle di sapone soffiate controvento.

Silenzio, l’unico movimento è provocato dalla polvere che vola perdendosi sotto la luce assente dei lampioni immersi nell’ombra sorda della notte.

Il rosso del cielo scivola lento tra l’odore delle foglie bruciate e il freddo gelido invernale.

Le gomme delle macchine strisciano l’asfalto dando vita ad una voce rauca, invecchiata, unico rumore della sera.

Una canzone in ripetizione ferma pensieri e attimi che durano in eterno nelle nostre memorie, vite oltre noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...